sabato, ottobre 29, 2005
Nuovo appuntamento con Cordialmente!!!!!
Domani alle 10:00 nuova puntata di Cordialmente Gran Varietà. Che dire, la puntata di domenica scorsa è stata, dal punto di vista delle battute, documentari e rubrichette varie, forse la migliore che quest'anno ho avuto la fortuna di ascoltare. La cosa che invece continua a farmi arrabbiare è la scelta dei brani musicali: non solo ho avuto il "pregio" di ascoltare roba che è molto lontana dalla bellezza musicale, ma, le due chicche musicali che ci erano state regalate domenica (Il Ballo di Peppe dei Cugini di Campagna e Fossi Figo degli Elii) sono state deturpate in un modo che definirei orrendo, per non usare termini peggiori, non propri della finezza femminile. Parlare su Il Ballo di Peppe, ancora ancora ci poteva stare, ma tagliare la parte finale di Fossi Figo degli Elii (a mio avviso una delle canzoni più belle di Cicciput) solo perchè c'è un assolo di chitarra (e un accompagnamento di tastiera stupendo, per non parlare poi della parte vocale che ne seguiva!), questo fatico a digerirlo. Speriamo non accada più una cosa del genere nelle puntate che seguiranno, sennò c'è davvero da preoccuparsi!

Come ogni domenica mi aspetta la solita levataccia, speriamo di farcela (stavolta pure l'ora legale si è messa in mezzo :( ). Vabbè, comunque c'è sempre il podcast! Eheheh.

Ciao!!!!!! Buon Cordialmente a tutti!!!!
 
scritto da Shpalmina alle ore 16:22 | Permalink | 0 commenti
AddThis Social Bookmark Button
venerdì, ottobre 28, 2005
Due copertine di dischi molto molto fighi!










Forse si vedono un pò maluccio, comunque sono le copertine di due dischi che amo tantissimo: la prima è la copertina di Heavy Weather dei Weather Report, mentre la seconda (quella che delle due si vede peggio!) è la copertina di Foxtrot dei Genesis. Non solo è stupendo l'ascolto dei due dischi, ma le copertine sono uno spettacolo di colori veramente gustoso! Provare per credere!!!
 
scritto da Shpalmina alle ore 15:45 | Permalink | 2 commenti
AddThis Social Bookmark Button
mercoledì, ottobre 26, 2005
Me la caverò.


Occhi che mi guardano
dallo specchio osservano
occhi a volta un po' troppo severi scrutano
per capire quanto c'è
di diverso come se
dalla faccia e dai capelli fosse semplice
intuire se quello riflesso sono ancora io
se ogni piccolo dettaglio su quel volto è proprio il mio
se ce la farò ogni giorno ad affrontare tutto
quello che verrà
tutto quello che verrà

Me la caverò
proprio come ho sempre fatto
con le gambe ammortizzando il botto
poi mi rialzerò
ammaccato non distrutto
basterà una settimana a letto
poi verrà da sé
ci sarà anche qualche sera in cui usciranno lacrime
ci sarà anche qualche sera in cui starò per cedere
ma poi piano piano tutto passerà
senza accorgermene tutto passerà.

Il silenzio a volte è
peggio del rumore che
per lo meno copre il brulicare delle idee
che di notte vengono
che di notte affollano
col loro brusìo il cervello e lo martellano
e fanno sembrar difficile anche ciò che non lo è
e fanno sembrare enormi anche le cose minime
così mi alzo e guardo te che dormi accanto e penso
che miracolo
vedi a volte accadono.

Me la caverò
proprio come ho sempre fatto
con le gambe ammortizzando il botto
poi mi rialzerò
ammaccato non distrutto
basterà una settimana a letto
poi verrà da sé
ci sarà anche qualche sera in cui usciranno lacrime
ci sarà anche qualche sera in cui starò per cedere
ma poi col tuo aiuto tutto passerà
senza accorgermene tutto passerà.



Sono a terra. Ora sto cercando di consolarmi con le parole di questa canzone di Max Pezzali.
Forse nei prossimi giorni avrò difficoltà ad aggiornare il blog per motivi di salute. Non è una cosa grave, ma sarò obbligata a stare per qualche giorno a letto (chi ha avuto dolori all'osso sacro, sa perfettamente ciò che intendo!). Ora sarà meglio che vada a riposarmi, le punture e gli antibiotici mi stanno distruggendo fisicamente. Ciao!
P.S. Oltre alla sofferenza fisica, anche il portafoglio piange!
 
scritto da Shpalmina alle ore 21:32 | Permalink | 0 commenti
AddThis Social Bookmark Button
sabato, ottobre 22, 2005
Aspettando Cordialmente!


Attendendo fiduciosa la nuova puntata di Cordialmente Gran Varietà (alle 10 di mattina di domani, pensate un pò!), vorrei soffermarmi sulla puntata che è andata in onda domenica scorsa. A me è piaciuta (è stata molto meglio della prima puntata, forse di rodaggio!), ci sono state molte battute più divertenti e la musica l'ho trovata assai meglio di quella che ho sentito alla prima puntata. Di quella che è normalmente sull'airplay radiofonico di quasi tutte le radio (in questo periodo), è stata scelta, forse, la migliore (l'ultima dei Depeche Mode e quella dei Subsonica, non le trovo maluccio, anzi). Poi, vabbè, se si punta sui grandissimi della musica, chicche come September degli Earth, Wind & Fire e How sweet it is di James Taylor sono sempre gradite (graditissime, direi!). Note (è proprio il caso di dirlo) stonate, sono state le canzoni delle Pussycat Dolls (se la faranno mai la doccia?), Negramaro (suonano molto bene, ma non mi piace vocalmente il cantante), Richard Hawley (Sinatra, bello mio, è tutta un'altra cosa! Nei promo radiofonici, ho sentito: "Richard Hawley, il disco più bello dell'anno!" o una roba che suonava all'incirca così, e io in quel momento pensavo: "Ecco il disco minchiata dell'anno!" Chi ha ragione?) e Gwen Stefani (dopo la canzone che io definisco "degli orologi" (che tanto ho odiato), che passava anno scorso, francamente pensavo potesse offire qualcosa di meglio. La battuta che poi ha fatto Rocco su di lei, è stata stupenda, se ci penso, ci rido ancora (dalle mie parti si usa un'espressione non tanto diversa ma con lo stesso significato!))
Spero di poter ridere di nuovo come ho riso domenica scorsa (tutte queste levatacce, ad una "giovane donna", pensate facciano bene?). Io farò di tutto pur di non perdermi la nuova puntata (sappiate che non punto la sveglia!). C'è sempre il podcast (ottima cosa, tra l'altro!), ma secondo me, la puntata è giusto godersela al momento in cui va in onda (ricordiamoci che le puntate sono registrate!).
Evviva il podcast, evviva Cordialmente, evviva gli Elii, se poi Cordialmente tornerà ad essere un lusso per pochi (tanti) "intimi", tanto meglio!
Buon Cordialmente a tutti! Ciao!!!!!!!!!!!!!!!
 
scritto da Shpalmina alle ore 14:29 | Permalink | 1 commenti
AddThis Social Bookmark Button
giovedì, ottobre 20, 2005
E come poteva mancare la pioggia?



November rain

When I look into your eyes
I can see a love restrained
But darlin' when I hold you
Don't you know I feel the same
'Cause nothin' lasts forever
And we both know hearts can change
And it's hard to hold a candle
In the cold November rain
We've been through this such a long long time
Just tryin' to kill the pain
But lovers always come and lovers always go
An no one's really sure who's lettin' go today
Walking away
If we could take the time
to lay it on the line
I could rest my head
Just knowin' that you were mine
All mine
So if you want to love me
then darlin' don't refrain
Or I'll just end up walkin'
In the cold November rain
Do you need some time...on your own
Do you need some time...all alone
Everybody needs some time...
on their own
Don't you know you need some time...all alone
I know it's hard to keep an open heart
When even friends seem out to harm you
But if you could heal a broken heart
Wouldn't time be out to charm you
Sometimes I need some time...on my
own
Sometimes I need some time...all alone
Everybody needs some time...
on their own
Don't you know you need some time...all alone
And when your fears subside
And shadows still remain
I know that you can love me
When there's no one left to blame
So never mind the darkness
We still can find a way
'Cause nothin' lasts forever
Even cold November rain
Don't ya think that you need somebody
Don't ya think that you need someone
Everybody needs somebody
You're not the only one
You're not the only one


In questa serata umida di ottobre (sembra di essere a novembre, tra l'altro!), come non abbandonarsi alle note di questa ballad rock? Sembra proprio la canzone ideale per queste fredde sere autunnali, da passare tra le mura domestiche davanti al caminetto, o per chi non ce l'ha (IO), tra le calde coperte di un letto.
E ce l'ho fatta a fare un mese di blogging! Alèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèè! :))))))))))
 
scritto da Shpalmina alle ore 20:11 | Permalink | 0 commenti
AddThis Social Bookmark Button
sabato, ottobre 15, 2005
Cordialmente, nuova puntata
Domani alle 10:00, nuovo appuntamento settimanale con Cordialmente Gran Varietà!!!

La puntata che è andata in onda domenica scorsa, a mio giudizio non è stata male, (ascolto Cordialmente dall'edizione 96/97, mica dall'altro ieri!), anche se, devo ammetterlo, ne ho sentite di migliori. Nota delle più dolenti è stata la scelta dei brani musicali (a mio giudizio orrendi, eccezion fatta per Pilipino Rock). Avrei preferito, per fare un esempio, una Jump dei Van Halen in più, o qualcosa di James Taylor, come accadeva in passato, piuttosto che sentire roba dei Mattafix, o come diavolo si chiamano, oppure quelle schifezze da teenagers (se avessero messo Lee Ryan, si sarebbe davvero toccato il fondo!!! Almeno in questo Linus non ha toppato!). Queste "canzoni", che nulla hanno a che vedere con la vera musica, fanno sì che il programma, già castigato per l'orario assurdo in cui è trasmesso, perda anche di quel fascino che lo accompagnava, quando a fargli da contorno erano canzoni come September, Daniel e così via. Almeno, quando c'erano queste ultime canzoni che ho citato, non si perdeva lo spirito emozionale che queste suscitavano e il programma era molto meno pesante di adesso. Era bello sentire anche i commenti degli Elii, quando le si mettevan su, cosa che ora non accade, in quanto quella robaccia che ho sentito, l'unica cosa che suscitano (a me, come penso a loro!) è il vomito.
Ho ascoltato la puntata 2 volte: la prima, quando andò effettivamente in onda, quindi alle 10:00, la seconda, invece, col podcasting, generosamente fornito da un amico (che ha provveduto ad eliminare le "immondizie musicali" e la pubblicità, mantenendo solo Pilipino Rock! Grazie Popposoft!! :)) ). Quando l'ho ascoltata epurata dalla "musica", l'ho trovata mille volte migliore, per cui, se proprio non si può fare nulla per l'orario, proporrei a Linus, perlomeno, di mettere la vera musica, e lasciare le schifezze musicali ad altri programmi. Fino a poco tempo fa, le scelte musicali erano fatte con acume e da persone che di musica ne sanno a pacchi, visto che la fanno (e pure meravigliosamente). Con questo non voglio dire che Linus non ne capisca un acca, anzi, a quanto ho capito, ne sa molto più di me. Comunque, mi dispiace che, per andare incontro al pubblico "ggiovane", si trasmetta della robaccia, che non solo contrasta con i gusti degli Elii, ma anche coi gusti di chi, come me, Cordialmente, lo segue da tantissimi anni. E' stato anche grazie a Cordialmente, se ora ascolto James Taylor, gli Who (Behind Blue Eyes la sentii la prima volta lì) e molte altre cose.

Domani mi tocca di nuovo la levataccia (accidenti a te, Linus :)) ). Spero, comunque di non perdermi neanche un secondo di quel programma. Cordialmente è per sempre! :))
 
scritto da Shpalmina alle ore 18:42 | Permalink | 2 commenti
AddThis Social Bookmark Button
mercoledì, ottobre 12, 2005
Chi muore (Ode alla vita)
Chi muore (Ode alla vita)

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marcia, chi non rischia
e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Lentamente muore chi fa della televisione il suo guru.
Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce
il nero su bianco e i puntini sulle i piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,
chi è infelice sul lavoro,

chi non rischia la certezza per l'incertezza,
per inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta nella vita
di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge,
chi non ascolta musica,

chi non trova la grazia in se stesso.
Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare.

Muore lentamente chi passa i giorni a lamentarsi
della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto
prima di iniziarlo,
chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivi
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà
al raggiungimento di una splendida felicità.
Fino a pochissimi mesi fa, questi versi di Neruda non li conoscevo. Poi, dopo averli letti a casa di una mia amica, me ne innamorai.
Pensavate che fossi morta? No no no. E' che allenarsi a fare i 100 metri piano, dopo un pò sfianca! :)) . Apparte gli scherzi, non ero in formissima in questi giorni, ma oggi sono tornata più carica che mai!!!
 
scritto da Shpalmina alle ore 20:24 | Permalink | 2 commenti
AddThis Social Bookmark Button
sabato, ottobre 08, 2005
Cordialmente, ai nastri di partenza -1



Domani alle 10:00 ritorna Cordialmente (da quest'anno Gran Varietà), il programma che Linus e Elio e le Storie Tese conducono da tantissimi anni (credo 13, se i conti sono giusti) su Radio Deejay, sicuramente il punto di forza della radio. Peccato solo per il cambiamento di giorno e collocazione oraria (prima andava in onda alle 23 del lunedì sera, per me molto più comodo) e che probabilmente, quest'anno le puntate, stando ad alcune voci che mi sono arrivate, saranno tutte in registrata :((

Domani, levataccia presto!! Ecchecavolo Linus, per colpa tua, una che normalmente si sveglia alle 7 per andare a lavorare e che ha, suo malgrado, pochi momenti da dedicare allo svago (uscite con gli amici e così via) manco più può riposare??? Pensaci, Linus
 
scritto da Shpalmina alle ore 16:50 | Permalink | 5 commenti
AddThis Social Bookmark Button
Ciò che per me è vita!

Music

Music was my first love
And it'll be my last
Music of the future
And music of the past.
To live without my music
Would be impossible to do
In this world of troubles
my music pulls me through
Music was my first love
And it'll be my last
Music of the future
And music of the past
And music of the past
And music of the past
Music was my first love
And it'll be my last
Music of the future
And music of the past.
To live without my music
Would be impossible to do
'cause in this world of troubles
my music pulls me through


Questa canzone di John Miles, esprime sia nelle parole che nel suono, ciò che più amo. La musica è ciò che mi rende viva, di questa canzone amo particolarmente la parte sonora (in alcuni punti raggiunge una pienezza sonora non indifferente). Ogni volta che la ascolto, mi lascio trasportare dai suoni, e vi dirò, sul piano emotivo mi tocca terribilmente. Peccato che non abbia l'album! (Spero di trovarlo al più presto. :) )
Che dire, la musica è la mia vita!
 
scritto da Shpalmina alle ore 15:55 | Permalink | 0 commenti
AddThis Social Bookmark Button
giovedì, ottobre 06, 2005
Grande Beppe!!!


Beppe, questo post è dedicato a te. Tu si che hai le palle per dire certe cose! Tantissime persone l'hanno capito! Se mai leggerai, a te va tutta la mia ammirazione!

 
scritto da Shpalmina alle ore 20:05 | Permalink | 3 commenti
AddThis Social Bookmark Button
lunedì, ottobre 03, 2005
Terra, vento e fuoco!

Fantasy

Every man has a place, in his heart there's a space,
and the world can't erase his fantasies
Take a ride in the sky, on our ship fantasii
all your dreams will come true, right away
And we will live together, until the twelfth of never
our voices will ring forever, as one
Every thought is a dream, rushing by in a stream,
bringing life to the kingdom of doing
Take a ride in the sky, on our ship fantasii
all your dreams will come true, miles away
our voices will ring together until the 12th of never, we
all will live, love forever as one
Come to see victory, in the land called fantasy
loving life, a new decree,
bring your mind to everlasting liberty
As one!
Come to see, victory in a land called fantasy,
loving life, for you and me, to behold, to your soul is ecstasy
You will find, other kind, that has been in search for you,
many lives has brought you to
recognize it's your life, now in review
and as you stay for the play, fantasy, has in store for you,
a glowing light will see you through
It's your day, shining day, all your dreams come true
As you glide, in your stride with the wind, as you fly away
give a smile, from your lips, and say
I am free, yes I'm free, now I'm on my way
Come to see, victory in a land called fantasy,
loving life, for you and me, to behold, to your soul is ectasy
You will find, other kind, that has been in search for you,
many lives has brought you to
recognize it's your life, now in review.


Questa secondo me è la canzone più bella degli Earth, Wind & Fire. La voce di Philip Bailey mi prende particolarmente (ritengo eccezionale il modo in cui canta).
Questi, che per me sono dei mostri sacri, mi trasmettono ad ogni ascolto, tantissime emozioni e anche tanta energia.
Vi ho postato Fantasy, ma gli Earth, mica si sono fermati a quella canzone, anzi! Tra le tante non posso non ricordare Boogie Wonderland (mi dà adrenalina a 1000!), In the Stone (fantastica!), September e After the love has gone. Mi fermo qui, sennò ad elencare tutti i brani degli Earth che mi fanno, diciamo così, scoppiare il cuore, mi ci vorrebbero 2 ore, e forse non sarebbero sufficienti!! Ciao!!!
P.S. Avrei voluto trovare un'immagine più grande, ma il web di meglio non offre :(
 
scritto da Shpalmina alle ore 23:20 | Permalink | 1 commenti
AddThis Social Bookmark Button
domenica, ottobre 02, 2005
Beatles, Rolling Stones e Bob Dylan





Dieci baronetti come te
si trovarono un giorno
convocati da Bob Dylan.
Il quale disse loro:
"Che ne dite di formare un complesso
e di chiamarci Bob Dylan?".
Prese la parola John,
disse: "Non ti seguirò.
Presto, Ringo, Paul e George,
costituiamo i Beatles!
Presto, Ringo, Paul e George,
cantiamo Yesterday!".
Charlie, Bill, Ron, Keith, Mick, Mick e Brian
accettaron di buon grado
di suonare nei Bob Dylan:
"Presto, accompagniamo il cantautore
che farà molto scalpore
con canzoni impegnate!".
Era già il '63,
John cantava Penny Lane
e sei ricchissimi incapaci abbandonarono Bob Dylan,
che compose per ripicca "Like a Rolling Stones".
Lallallà, lallallà, lalalalalalà,
Beatles e Rolling Stones, quanta felicità.
Lallallà, lallallà, lalalalalalalà,
Beatles e Rolling Stones, quanta rivalità.
Dopo questi fatti Mick,
si comprò una penna bic.
"Evvedi che successo che stanno
riscuotendo questi Beatles!
Evvedi che vado a farmi una puntura
e scrivo Lady Jane!".
Lallallà, lallallà, lalalalalalà,
Beatles e Rolling Stones, quanta felicità.
Lallallà, lallallà, lalalalalalà,
Beatles e Rolling Stones, grandi rivali.
Ticket to Ride, Jumpin'Jack Flash,
From Me to You, Satisfaction,
poi un giorno pam, e let it be non più.

Scomodando gli Elio, vi chiedo: chi scegliereste tra Beatles, Rolling Stones e Bob Dylan? Intanto vi dico chi scelgo io! I mitici Bitolsi!!! (Consiglio a tutti l'ascolto di Sgt. Pepper, forse il loro album migliore).
 
scritto da Shpalmina alle ore 15:31 | Permalink | 1 commenti
AddThis Social Bookmark Button